LABORATORIO TEATRALE

 Il laboratorio ha una natura interdisciplinare e trasversale, la creatività e l’espressione rappresentano la modalità didattica privilegiata.

Rivolto alle classi della scuola primaria, ciascuna lezione vede coinvolto un gruppo di venti bambini guidati da un regista coordinatore e dalle insegnanti coinvolte nel progetto che, insieme ai ragazzi, partecipano attivamente e dall’interno, al percorso laboratoriale, secondo la nota formula del “Piero Gabrielli”.

Gli incontri si svolgono coinvolgendo un solo gruppo classe per volta e hanno una durata di un’ora e mezzo.

La prima tappa del laboratorio è dedicata esclusivamente alla formazione di un gruppo: attraverso esercizi di pratica e animazione teatrale si creano occasioni per sbloccare eventuali difficoltà e riserve dovute alla paura del giudizio altrui, il tutto in un ambiente protetto in cui ognuno si sente libero di esprimersi per ciò che è e per quelle che sono le proprie caratteristiche.

Inoltre l’utilizzo costante della musica aiuta i partecipanti ad entrare nella situazione con dei riferimenti emotivi molto forti, suggerendo ritmi e atmosfere per le diverse improvvisazioni, rendendo molto più interessante il lavoro sul corpo e il clima di ogni incontro.

Alla fine del laboratorio si prevede un momento conlusivo in cui il lavoro svolto viene presentato asd un pubblico di genitori o di altre classi non coinvolte nel progetto: tale momento sottolinea i caratteri essenziali del teatro ossia la visibilità, la festa e la fantasia.

Obiettivi:

  • Capacità di muoversi all’interno di uno spazio, di comunicare attraverso gesti, mimo e parole, capacità di ascolto, di attenzione e di libera espressione
  • Capacità di produrre testi orali e/o scritti relativi alla tematica concordata, di narrare le proprie emozioni
  • Convivenza civile: favorire l’integrazione del gruppo classe e la capacità di cooperazione all’interno del gruppo

 

Esperto:

– Roberto Baldassari